Delineate dal National Philosophical Counseling Association (NPCA)

Il consulente filosofico aiuta i clienti nei vari problemi che la gente affronta nel corso della vita di tutti i giorni. Questi includono ma non sono limitati a:

• Questioni morali
• Disaccordi su valori
• questioni politiche e disaccordi
• Il blocco dello scrittore
• problemi nella gestione del tempo
• Indugio
• problemi di carriera
• Perdita di lavoro
• Problemi con i colleghi
• problemi di disabilità
• Problemi finanziari
• La pensione
• Invecchiamento
• problematiche di fine vita
• crisi di mezza età
• figli adulti di genitori anziani
• Problemi con la famiglia
• problemi di pianificazione familiare
• questioni con gli suoceri
• Rotture e divorzio
• problemi Genitori/figli
• Diventare genitore
• Rivalità tra fratelli
• Scoprire di essere stati adottati
• innamorarsi e disinnamorarsi
• La perdita di un familiare
• La perdita di un animale domestico
• problemi di Amicizia
• pressioni sociali
• questioni accademiche o legati alla scuola
• Rifiuto
• discriminazione
• La religione e le questioni legate alla razza
• problemi derivanti da questioni legali
• le questioni relative alla tecnologia

quesiti_problemi_filosofia

Tuttavia, i consulenti filosofici non-affrontano disturbi mentali. In queste occasioni si fa riferimento a professionisti abilitati nella cura della salute mentale.

I consulenti filosofici (come I professionisti LBT), aiutano I clienti nell’esaminare e facilitare I loro ragionamenti per quanto riguarda le questioni come quelle sopra citate, insegnando a utilizzare il pensiero critico. Le sessioni sono dirette a particolari problemi di vita e terminano quando il problema particolare è risolto.

(Ritorna alla pagina precedente)

Gli psicologi sono scienziati sociali e sono, quindi, interessati a spiegazioni causali. Come tale, la consulenza psicologica tende a vedere i processi mentali in termini causali. Gli psicologi clinici (e altri professionisti della salute mentale) utilizzano queste prove, conoscenze e teorie circa le cause alla base dei processi mentali per aiutare i loro clienti a gestire i loro problemi psicologici (ad esempio, disturbi dell’umore, ansia, psicosi, ecc). Al contrario, il consulente filosofico applica la propria formazione in filosofia (teorie e metodi del pensiero filosofico) ai problemi umani e della vita. Essi, di conseguenza, tendono a considerare i processi mentali in termini di giustificazione epistemica, cioè, la giustificazione delle nostre credenze e su che basi sosteniamo le nostre conoscenze. Ad esempio, un consulente filosofico può aiutare un cliente con un problema relazionale, applicando gli standard della logica e il pensiero critico per correggere un ragionamento incorretto. Come tale, il consulente filosofico è specializzato nell’esaminare e analizzare gli argomenti, piuttosto che nel cercare l’origine causale sottostante dei processi mentali disfunzionali. I consulenti filosofici si concentrano principalmente sulla giustificazione epistemica mentre i consulenti psicologici si concentrano principalmente su come applicare la scienza empirica.


Di conseguenza, la consulenza psicologica utilizza criteri diagnostici per la valutazione cognitivo-comportamentali-emotiva disfunzioni-come definito dal l’ultima iterazione del Diagnostica di the American Psychiatric Association’s Diagnostic and Statistical Manual. I consulenti filosofici possono anche utilizzare criteri di valutazione, ma questi criteri sono relativi alle valutazioni di ragionamento, per esempio, errori nel ragionamento del cliente ‘, che possono essere alla radice dei loro problemi di vita. Ad esempio, un cliente potrebbe essere sottoposto stress riguardo a una decisione perché si è costruito un falso dilemma (“sono dannato se lo faccio e sono dannato se non lo faccio) anziché impegnarsi in un ragionamento pro attivo.

Theme: Overlay by Kaira
Angelo Manassero